Inspiration for a greener tanning industry from the Arzignano tanning district.

Le occasioni di business arrivano dall’università

Written by

Abituati a pensare che dalla scuola arrivino persone che devono essere formate e sulle quali l’azienda deve investire un bel po’ di anni e fatiche prima che “producano” reddito, ci si stupisce un po’ quando si sente dire che è dai laboratori universitari che arriva l’occasione, per le imprese, a nuovi ambiti d’affari. E’ il caso di Conceria Dani che trovando nell’automotive uno strategico porto di sbocco per le sue pelli, ha la necessità di alte competenze di ingegneria gestionale, di chimica e organizzative per rispondervi. O di Ilsa, che vede nel rapporto con scuole e università un aspetto fondamentale per l’individuazione di nuove opportunità di business nel settore delle biotecnologie più avanzate. Ma, precisano in Dani, c’è ancora molto bisogno di manualità, di operai che vedano un futuro del settore pelle, oggi un ambito di lavoro salubre e ben organizzato. Per invogliare i giovani al lavoro nel settore, è anche importante far capire che si contribuisce a realizzare un prodotto bellissimo “Quando faccio visitare la conceria – spiega Giancarlo Dani –  dico sempre alle persone di tenersi in mente come è una pelle grezza e vederne l’evoluzione nei vari stadi produttivi, fino a diventare un prodotto unico”. Anche per Ikem, scuola e università sono determinanti per individuare nuove forze nei vari comparti tecnici. “ Ciò che forse i ragazzi non si aspettano – sostiene Edgardo Stefani, presidente di Ikem – è l’elevata propensione all’innovazione all’interno delle nostre aziende, aspetto sfidante e punto di attrazione per i giovani talenti”.  Lo ribadisce Paolo Girelli, presidente Ilsa, sottolineando come le biotecnologie applicate all’agricoltura offriranno enormi opportunità di crescita professionale “Chi lavora con noi o nel nostro settore deve avere la consapevolezza di essere coinvolto in prima persona in una grande sfida: garantire la sufficienza alimentare a nove miliardi di persone entro il 2050, senza pregiudicare la qualità dell’ambiente”. Per tutte le aziende di greenLIFE rimane strategica la collaborazione con le università, sia italiane che straniere, ma anche con istituti vicini, come l’ITS Cosmo, l’ITIS Galilei che, in collaborazione con l’AICC (Associazione Italiana Chimici del Cuoio) e la Stazione Sperimentale Industria delle Pelli,  hanno risposto alle sollecitazione degli imprenditori del Distretto della Pelle, istituendo il nuovo corso biennale ITS post diploma  per formare Green Leather Manager.  Corso al cui interno è previsto un ciclo di seminari che presenterà agli studenti i risultati delle varie linee di ricerca del progetto greenLIFE.

 

Article Categories:
News · Newsletter
Shares
Green Life